Boutique

prodottoStile

Un must-have: l’abito in tessuto Solaro

L’abito Solaro è sicuramente un capo anticonvenzionale, ma non stravagante; l’effetto cangiante infatti è accennato, quel tanto che basta per ricordare al mondo che hai abbastanza self-confidence per indossare un abito che va oltre le abitudini.

L’altra nota positiva, che lo rende un vero must-have è che si adatta a tutti. Ti basterà dare un’occhiata alle gallerie online, e vedrai che un abito Solaro sembra perfetto indosso a ogni singola persona. Insomma, sembrano non esserci più motivi per non creare subito il tuo abito su misura.

Se l’abito classico diviene una tortura per i professionisti costretti ad uscire nelle ore più calde e il lino o il cotone si sgualciscono facilmente conferendo a chi lo indossa un’aria, alle volte, troppo disinvolta, la soluzione potrebbe risiedere in tessuti meno noti, più ricercati o semplicemente meno commerciali.

Capita a tutti noi desiderare di possedere qualcosa di bello, pregiato e ricercato:

 una Ferrari spider, un orologio Patek Philippe e certo anche un abito su misura realizzato con tessuto Solaro.

Un abito confezionato con il tessuto Solaro non dovrebbe mancare nel guardaroba di un vero gentleman. E’ un esempio di come un tessuto possa esprimere significati valoriali che superano la gratificazione data da un bel aspetto estetico. A dispetto della superficie iridescente, le origini militari e gli stessi uomini che l’hanno indossato hanno fatto col tempo il Solaro un prodotto di nicchia, il non plus ultra dei tessuti primaverili / estivi.

Tessuto Solaro

Il Solaro, può essere composto da due tele, un twill di pura lana, un gabardine tinto in filo, il Solaro è un pettinato armato a levantina con un effetto leggermente luminoso e iridescente dovuto al diverso colore di trama e ordito.
Di peso intorno ai 300/350 grammi, può avere orditure diverse: spina di pesce piccola o grande (raramente a chicco di riso o unito), tinta su tinta su fondo beige, iridescente con riverbero rosso, ottenuto dal rovescio opposto di colore rosso. Adatto per le stagioni primaverili ed estive.

Logo Solaro
Varianti Solaro

Il suo nome è brevettato, ed è: “Original Solaro Made in England”.Solaro significa adeguato e resistente ai raggi solari.

Ha un solo colore, beige luminosissimo e spigato, con il rovescio rosso-mattone, anche se ne esistono delle varianti di tono.

Il Solaro, che è un marchio registrato e prodotto  esclusivamente dalla Smith Woolens, è amato da pochissimi intenditori è un tessuto difficile a vedersi indosso a chi non sia buon conoscitore dell’arte di vestire.
Indicato solo per gli abiti interi, mono o doppio petto (entrambe con mezza fodera), se ne vedono in giro moltissime imitazioni: tessuti simili, con la stessa lavorazione, in più cromie, senza la certificazione dell’originale ma talvolta con interessanti e piacevoli accorgimenti. Come il caso della inglese Holland & Sherry che propone una versione da 220 gr composta da lana merinos abbinata alla seta, dove quest’ultima oltre ad impreziosire il tessuto lo rende più leggero e ancora più fresco.

Varianti Holland & Shery
Varianti H&S Solaro

 

LA PARTICOLARE STORIA DEL TESSUTO SOLARO.

La sua origine è militare, è stato forse il primo tessuto tecnico creato dall’uomo e venne concepito agli inizi del XX secolo, nel pieno periodo del colonialismo.

La grandi potenze dell’occidente di inizio secolo (come ad esempio Inghilterra, Francia, Spagna, Portogallo, Stati Uniti e Belgio) iniziavano infatti ad affrontare la necessità di spostare truppe in paesi caratterizzati da un clima decisamente diverso da quello di origine.

Il Solaro – come suggerisce il nome stesso – è stato appositamente creato per prevenire non soltanto scottature e carcinomi dei coloni, ma anche per inibire i raggi UV, che si pensava fossero la causa di disfunzioni fisiologiche e disordini nervosi.

Louis Westenra Sambon, l’inventore del Solaro, era un importante medico tropicale inglese con origini italiane. Iniziò a lavorare al Solaro dopo aver sostenuto degli esperimenti di spettroscopia e presentò ufficialmente il suo tessuto nel 1907 sul Journal of Tropical Medicine.

 I soldati inglesi usavano la parte rossa per foderare i caschi mentre quella beige come proseguimento delle divise, per difendersi dalle radiazioni solari. Originariamente la lana era abbinata ad una modesta quantità di cotone ma nel tempo le produzioni furono trasformate in 100%  lana. A partire dagli anni Trenta, iniziò a prendere piega l’uso del Solaro, come tessuto considerato Tropical, nelle sartorie della rinomata via londinese, Savile Row.

Personaggi

Se in un primo momento furono soprattutto gli inglesi dell’alta società a farne sfoggio, in seconda battuta, fu apprezzato particolarmente dai più recenti maestri di stile italiano, quali l’Avvocato Gianni Agnelli, Marcello Mastroianni, Luca Cordero di Montezemolo, Lapo Elkann, Matteo Marzotto e cultori dell’eleganza in generale,( foto personaggi)  trovando in esso il giusto compromesso di raffinatezza sobria e disinvolta.

I MIEI CONSIGLI SU COME INDOSSARLO 

Chi è intenzionato ad acquistare un abito realizzato con questo tessuto dovrebbe però prestare particolare attenzione ai toni e tenere conto delle sfumature della propria carnagione oltre che della stagione in corso. Un incarnato chiaro, tipico di un uomo biondo o rossiccio dovrà evitare le tonalità troppo arancioni che invece doneranno ad un uomo dalla carnagione più scura o abbronzata. Personalmente, suggerisco di indossare l’abito Solaro sia mono che doppio petto con :

  • un mocassino a nappine scamosciato, o anche una stringata oxford, dal sapore molto “British”. Imprescindibile l’uso della scarpa testa di moro
  • camicia bianca o azzurra chiara ma si può osare anche con una bella riga leggermente marcata o un piccolo quadretto vichy.
  • una bella cravatta tinta unita per le camicie a righe o vichy, cravatta rigata per le tinte unite.
    Anche la scelta dei bottoni può fare la differenza, prediligendo quelli in corno color tabacco e marrone chiaro.
  • Un fazzoletto da taschino
  • Un cappello Panama

Un abito Solaro risulta perfetto indosso a ogni singola persona, il giusto equilibrio tra informalità ed eleganza per non essere banale alla luce del sole.

Insomma, sembrano non esserci motivi per non creare subito il proprio abito Solaro su misura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *